Area Info

In questa sezione potrai trovare una risposta a qualunque tuo dubbio o quesito riguardante brevetti, marchi, disegni, modelli, diritto d’autore, aspetti legali e molto altro. La consultazione della nostra vastissima banca dati di articoli è totalmente GRATUITA.

Per iniziare digita l'argomento di cui vuoi informazioni:

Quando la parodia è lecita

_____________

Una parodia ossia l’imitazione di un testo, di un’opera altrui o di qualcuno a scopo satirico, senza il consenso del legittimo titolare, costituisce violazione del diritto d’autore? Il diritto d’autore protegge la forma espressiva delle opere creative, ovvero ogni espressione della creatività dell’autore. La parodia è una forma di creatività, una nuova versione, satirica, di una precedente opera. E’ lecito operare in tal senso senza esserne autorizzati?

Come regola generale sappiamo che l’utilizzo di un’opera altrui necessita di espressa autorizzazione da parte del suo titolare. Per le opere letterarie il diritto d’autore nasce con la creazione dell’opera stessa e l’autore non deve far nulla per attivarlo. Quando si crea un’opera letteraria (un romanzo, un saggio o simili), la tutela offerta dal diritto d’autore nasce automaticamente nel momento stesso in cui l’opera viene creata (ne abbiamo parlato qui).

L’articolo 70 della legge sul diritto d’autore prevede che il riassunto, la citazione, la riproduzione di brani o di parti di opera siano liberi se utilizzati a scopo di critica o discussione, sempre che tali citazioni non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera stessa; se effettuati a fini di insegnamento o ricerca scientifica l’utilizzo deve avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali. Pertanto in questo caso non sarà necessario chiedere alcun tipo di autorizzazione all’autore dell’opera perché avviene nel rispetto dei suoi diritti morali (ne abbiamo parlato qui). La legge però non cita la parodia.

Si ritiene però che la parodia possa essere ricompresa nel concetto di discussione e/o critica. Pertanto non costituisce violazione del diritto d’autore se la parodia viene fatta in ottemperanza dei limiti previsti dalla legge per i casi di discussione o critica. Inoltre il diritto di satira è tutelato dalla Costituzione in quanto forma di espressione, di libertà di pensiero: anche la parodia quindi come atto umoristico, in cui è percepibile la vena satirica è sicuramente tutelata e permessa.

Vedi anche:

registra un marchio ONLINE     VIDEO INFORMAZIONI su Marchi e Loghi

Diritto d’autore e satira Esprimi un giudizio su questo articolo
5.00/5 2 votis

Categorie