Area Info

In questa sezione potrai trovare una risposta a qualunque tuo dubbio o quesito riguardante brevetti, marchi, disegni, modelli, diritto d’autore, aspetti legali e molto altro. La consultazione della nostra vastissima banca dati di articoli è totalmente GRATUITA.

Per iniziare digita l'argomento di cui vuoi informazioni:

I brevetti antichi e moderni

______________

La necessità è la madre delle invenzioni” così affermò il grande filosofo Platone. Non vi è affermazione più vera. Quanto a necessità la nostra nazione vanta un numero considerevole e variegato di menti geniali che grazie alla loro creatività si sono impegnate nel trarre vantaggio anche da eventi catastrofici o comunque difficili che nel corso dei secoli hanno attanagliato il nostro Paese. Questi inventori sono poi diventati nel tempo famosi in tutto il mondo.

Elenchiamo solo le invenzioni più rivoluzionarie e sorprendenti partendo dalle più antiche alle più recenti.

Iniziamo col citare il padre delle invenzioni italiane, il grandissimo Leonardo da Vinci, genio del periodo rinascimentale, inventore, artista, filosofo, architetto, ingegnere e scienziato. Tra le sue invenzioni, l’antenato del carro armato, del cannone ed il prototipo dell’elicottero e del paracadute.

Impossibile non menzionare anche Galileo Galilei, fisico, astronomo, filosofo e matematico, padre della scienza moderna che verso la fine del ‘500 in un piccolo laboratorio inventò la macchina per portare l’acqua a livelli più alti (pompa idraulica). Tra le sue invenzioni famosa anche la bilancia idrostatica, il termoscopio ed il telescopio.

Ricordiamo anche Bartolomeo Cristofori che visse tra la fine del ‘600 e gli inizi del ‘700, fu l’inventore del fortepiano e pioniere dell’attuale pianoforte.

Luigi Galvani, fisiologo, fisico e anatomista della fine del ‘700, scoprì l’elettricità biologica e si cimentò in alcune sue applicazioni, come la cella elettrochimica, il galvanometro e la galvanizzazione.

Importanti e rivoluzionari anche Alessandro Volta e Antonio Meucci: il primo all’inizio dell’ 800 inventò il generatore di elettricità cioè la pila e scoprì il gas metano; il secondo fu l’inventore del telefono e nel 1871 brevettò il telettrofono per comunicare a distanza.

Enrico Bernardi progettò e brevettò il primo tipo di motore a scoppio mentre Guglielmo Marconi si affermò per la telecomunicazione via onde radio cioè il radiotelegrafo, che in seguito si sviluppò nella radiocomunicazione senza fili (radio, televisione etc.).

Arriviamo ai tempi più vicini a noi, alla prima metà del secolo scorso: Alfonso Bialetti inventò la caffettiera Moka e Corradino D’Ascanio progettò la Vespa per la Piaggio, lo scooter dal design più famoso al mondo. Nello stesso periodo si affermò anche Luigi Emanueli ingegnere, padre dell’elettrotecnica moderna.

Nel 1954 Giulio Natta brevettò il polipropilene isotattico (cioè la plastica), mentre all’inizio degli anni ’70 Federico Faggin inventò il primo microprocessore (microchip) al mondo.

Queste le invenzioni italiane più rivoluzionarie, frutto di ingegno e lungimiranza, che hanno trasformato il modo di vivere dell’ intera umanità.

(Fonte: Wikipedia)

Vedi anche:

registra un marchio ORA     - CANALE VIDEO -Marchio Logo

Le invenzioni italiane famose nel mondo Esprimi un giudizio su questo articolo
3.00/5 2 votis

Categorie