Area Info

In questa sezione potrai trovare una risposta a qualunque tuo dubbio o quesito riguardante brevetti, marchi, disegni, modelli, diritto d’autore, aspetti legali e molto altro. La consultazione della nostra vastissima banca dati di articoli è totalmente GRATUITA.

Per iniziare digita l'argomento di cui vuoi informazioni:

Quali i rimedi e i rischi che si corrono

______

Capita sempre più spesso che un marchio venga utilizzato su internet senza l’autorizzazione del legittimo proprietario; si può dire che oggi è una delle forme più diffuse di contraffazione.

Ricordiamo che la contraffazione di un marchio non consiste solo nella riproduzione dello stesso in maniera tale che venga scambiato per l’originale, ma anche nel suo uso illegittimo (ossia senza l’autorizzazione del titolare). Ricordiamo inoltre che il titolare di un marchio gode del diritto esclusivo di apporre il proprio segno sui suoi prodotti, nonchè di utilizzarlo su internet.

In virtù di ciò, il titolare di un marchio che nel corso degli anni ha acquisito clientela e notorietà anche grazie a quel segno distintivo, ha senz’altro tutte le ragioni per opporsi all’uso illegittimo da parte di terzi di un marchio identico o simile al suo. Tale similitudine genera infatti confusione nei consumatori, sottraendogli quindi una buona fetta di clientela e, magari, andando a ledere la sua immagine (ad esempio a causa della scarsa qualità dei prodotti simili).

Ma quali sono i possibili rimedi? Nei casi di reiterazione del comportamento illecito si può arrivare anche al sequestro del sito. Un caso eclatante di contraffazione di un marchio su internet è di recente arrivato a sentenza nel tribunale di Bologna. La sentenza in questione richiama una decisione delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione del 2015.

Il tribunale ha ritenuto condannare colui che utilizzava illecitamente il marchio altrui su un sito, con lo strumento del sequestro impeditivo ed il conseguente oscuramento del portale. Il giudice ha ritenuto “adeguata e necessaria tale misura al fine di scongiurare eventuali ulteriori conseguenze della condotta criminosa realizzata”.

Il sequestro del sito pertanto è uno strumento potenziale che il giudice può arrivare ad applicare nei casi più estremi.

Ing. Marzulli – Avv. Zambetti

Uso non autorizzato di un marchio su internet. Esprimi un giudizio su questo articolo
5.00/5 2 votis

Categorie