Area Info

In questa sezione potrai trovare una risposta a qualunque tuo dubbio o quesito riguardante brevetti, marchi, disegni, modelli, diritto d’autore, aspetti legali e molto altro. La consultazione della nostra vastissima banca dati di articoli è totalmente GRATUITA.

Per iniziare digita l'argomento di cui vuoi informazioni:

sanzioni per i trasgressori 

______

brevettato

Supponiamo che un produttore apponga su un suo articolo la dicitura “brevettato” senza che il prodotto lo sia davvero, oppure indichi il numero di un brevetto ormai scaduto; ebbene, costui commette un atto illecito perché inganna il consumatore fornendo un’informazione non veritiera.

Negli Stati Uniti ci sono state sentenze pesantemente punitive nei confronti di chi apponeva tali false indicazioni sui propri prodotti in commercio. Una recente sentenza ha previsto una multa di 500 dollari per ogni prodotto riportante il numero del brevetto in realtà scaduto; la sentenza ha inoltre previsto che la metà della multa venisse riscossa dal soggetto che ha sporto denuncia (incentivando così le denunce da parte dei consumatori).

Anche la legge Italiana punisce chi utilizza riferimenti ingannevoli; in particolare “chi appone su un oggetto, parole o indicazioni non corrispondenti al vero, tendenti a far credere che l’oggetto sia protetto da brevetto, disegno o modello oppure topografia o a far credere che il marchio che lo contraddistingue sia stato registrato” (art. 127 c.p.i.).

Il legislatore è stato chiaro: come negli Stati Uniti anche in Italia i trasgressori vengono puniti. Questo discorso è dunque valido anche per i soggetti che utilizzano il simbolo ® sui marchi non ancora registrati. Ricordiamo che dalla data di deposito di un marchio trascorre un tempo variabile (quantificabile in diversi mesi) per la registrazione effettiva; solo da quel momento in poi sarà possibile apporre il simbolo ® su quel determinato marchio.

Prima di quel momento il titolare potrà apporre sul marchio solo il simbolo TM; il che significa che è stata depositata una domanda di marchio ma non si è ancora concluso l’iter burocratico per la registrazione (ne abbiamo parlato qui). Non si può ingannare il consumatore facendo credere che un marchio sia registrato; si tratta di un’informazione falsa e come tale chi la diffonde viene punito.

Ing. Marzulli – Avv. Zambetti

Informazioni false su brevetti e marchi Esprimi un giudizio su questo articolo
5.00/5 4 votis

Categorie